"i ritardati mentali non sono persone": la risposta dei genitori

21 nov 2008




Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta di un gruppo di genitori con figli disabili indirizzata al Dott. Gianfranco Vazzoler, pediatra componente della Consulta di bioetica di Pordenone, che in un convegno sulle sfide della neonatologia, ha affermato che ''i neonati molto prematuri e ritardati mentali non sono persone''(Adnkronos 31 ottobre 2008), all'ordine dei medici e ai mezzi di comunicazione.


AL DOTTOR GIANFRANCO VAZZOLER
AI MEDIA
ALL’ORDINE DEI MEDICI


Dottor VAZZOLER,
il Gruppo Genitori Tosti in Tutti i Posti formato da genitori con figli disabili molti dei quali con grave ritardo mentale ha qualcosa da dirle dopo aver letto su quotidiani e siti web alcune dichiarazioni che lei avrebbe fatto riferito alle PERSONE con disabilità cognitive.

Se è vero che al mondo non si è mai finito di imparare, per noi genitori di bimbi, ragazzi e adulti disabili gravi, le sorprese sono ancora più… sorprendenti.! L’ultima che abbiamo scoperto, grazie a lei dott. Gianfranco Vazzoler, è che molti dei nostri figli non sono persone, o meglio: fanno parte del genere umano (e per questa concessione ringraziamo sentitamente) ma non sono esseri umani, Saturniani forse?

Le suggeriamo quindi per la sua prossima uscita in pubblico, questa sorridente definizione per i nostri piccoli e grandi non umani: Saturniani del ventunesimo secolo, piombati sulla terra… chissà perché? A parte questo suggerimento che le offriamo gratuitamente, abbiamo anche qualche domanda.: commenterebbe, cioè ,avrebbe parole da sprecare circa un’affermazione del tipo “Il sole nasce a Ovest”, detta da un eminente astronomo? Parimenti non ci sono parole per commentare ciò che lei, medico, neonatologo, primario d’ospedale e appartenente alla Consulta di bioetica di Pordenone avrebbe affermato in quel di Firenze lo scorso 31 ottobre nel corso del Convegno “Le sfide della neonatologia alla bioetica e alla società:”.

Si spieghi e cortesemente spieghi a noi genitori di figli disabili gravi e gravissimi, su quali basi e da quali studi(che la invitiamo a citare!) ha tratto le conclusioni per la sua affermazione. Una persona è un essere pensante. Una persona è un essere senziente. Può forse voler dire che chi è compromesso neurologicamente non pensa e non sente nulla? Certo potrebbe, se vivessimo ancora al tempo di Sparta e Atene, non nel terzo millennio. E la plasticità del cervello dove la mettiamo? Gli ultimi studi, ormai ovunque riconosciuti, nell’ambito delle neuroscienze non li consideriamo?

Chissà se lei si è mai chiesto il perché del pullulare su questa terra di creature NON PERSONE chissà se ne ha mai guardata una, l’ha mai guardata negli occhi, no, pensiamo proprio di no: un solo sguardo di uno qualunque dei nostri figli è così ricco di amore, di gioia per la vita, di fantasia, di profondità dell’essere, che perfino lei avrebbe avuto difficoltà poi a pronunciare la sua sentenza.

E, naturalmente, complimenti per la scientificità dell’affermazione. Dobbiamo concludere quindi che sta per nascere una nuova classificazione biologica, quella delle NON PERSONE:? Poiché la scala evolutiva va di pari passo coi tempi, di certo queste nuove “entità”, frutto della sua scoperta, sono in detta scala un gradino più in alto degli umani. Ma a questo lei certamente non aveva pensato….

Le sue affermazioni dott. Vazzoler, ci ricordano tempi non troppo lontani e che avremmo proprio sperato di non rivivere più, ma che invece ultimamente fanno spesso capolino in varie discussioni sul diritto alla vita, la qualità della vita , la dignità della vita. Noi crediamo , senza mettere in dubbio la sua preparazione professionale che lei abbia una errata visione della vita delle persone con ritardo mentale che può essere gratificante anche senza l’alto pensiero che genera affermazioni aberranti come quelle da lei relazionate.


Il GRUPPO GENITORI TOSTI IN TUTTI I POSTI

Alessandra Corradi Marina Cometto Fabiana Gianni Marinella Melis Adriana Adriani Rossella Monaco Vincenzo Giannoccari Luciana Pacelli Chiara Brigato Rosalba Moia Cecilia Cappellini Marina Ingrosso Claudio Santini Anna Savelli Roberta Ingrassia Giovanni Marasso Rosa Goglia Henrico Chiavetti Maria Cristina Bissoli Massimo Bravi Silva Tralli Paola Nasci Italo Bottigelli Bianca Marengo Ornella Di Paolo Stefano Benedetti Elisabetta Ballanti Jonathan Falcone Sabrina Spinelli Cristiana Borini Franca Primuomo Marinella Carta Angelo Cerina Maria Rosa Greco Paola Comelli Paolo Di Iasio Silvia Zancanaro Ennio Zancanaro Andrea Lauro Gilberto Gini Valter Carrus Marco Cercola Amelia Mangiacapra Sara Palomba Duccio Corsi Maria Teresa Semprebianco Daniela Cordara Rosita Attollino Alessandra Pedone Mauro Dell’Orco Gaetano Chiavetti Delia Lametti Rita Chiavetti Liliane Chiavetti Marie Luise Chiavetti Catena La Rocca Finizia Goglia Matteo Coltelli Italo Goglia Paola Meattini Maurizio Galletti Antonella Vagnozzi Mauro Ossola Bethania Lauschner Angela Volta Silvia Galassi


Vota l’articolo su OkNotizie

Puoi votare le notizie di Pbc anche in questa pagina.

Pubblicato da Faber alle 18:54  
1 commenti
lucilla ha detto...

Non ho parole....ma solo un senso di compatimento verso questo professore che, non essendo mai venuto a contatto con ragazzi disabili e con problemi mentali, non ha mai avuto la FORTUNA di entrare in contatto con persone meravigliose, che insegnano ad ognuno di noi cosa vuol dire DONARE AMORE senza chiedere nulla in cambio, volerti bene solo perché fai loro un sorriso, amare la vita solo perché il sole sorge ogni mattina.
Avevo 20 anni e passavo le estati come assistente in colonie a contatto con questi ragazzi e ogni volta che li lasciavo al rientro, sentivo che ero io a doverli ringraziare per quello che mi avevano donato e insegnato,e sapevo che le mie giornate poi sarebbero state un po' più vuote e più fredde senza il calore che solo loro riuscivano a trasmettermi.

21 novembre 2008 22:39  

Posta un commento