PBC non si arrende

12 set 2008

Sono giorni di estremo fermento per PBC: entro fine mese partiranno diverse iniziative tematiche ed organizzative, e per questo serve l’aiuto da parte di tutti coloro che hanno la possibilità di impegnarsi per il bene comune.

La situazione del Paese è di estrema emergenza (ma nell’ intero Pianeta non va meglio); ma mentre servirebbe coesione fra quanti hanno capito il degrado del sistema, c’è ancora chi cede alle lusinghe dei poteri forti e/o al proprio tornaconto, e con pretesti ideologici, o personali, o di “primazia” del proprio blog o sito, opera per tenere diviso e frammentato l’universo di coscienze, di movimenti, di associazioni che potrebbero rappresentare la vera alternativa politica (anzi, spesso è proprio da questo “mondo” che provengono i colpi sotto la cintura).

Per chi ha contribuito a creare PBC e anche per qualche candidato le cose non sono certo state semplici: licenziamenti, citazioni in giudizio, mobbing, ecc… E per molti è stata, ed è ancora, molto dura.

Questo non poteva non arrivare a riguardare anche Stefano Montanari, presentato da PBC come candidato premier alle scorse elezioni politiche. In questo momento Stefano non ha la serenità necessaria per continuare a lavorare in prima linea per PBC: è, infatti, impegnato a difendere se stesso ed il proprio lavoro di ricercatore scientifico da una serie di pesanti attacchi che gli provengono da versanti insospettabili.

A lui va tutta la piena solidarietà di “Per il bene comune” e la massima rassicurazione: il movimento continuerà ad agire e a crescere; cercheremo di occuparci di tutti i temi che abbiamo condiviso nel programma, e di mantenere quel coraggio e quella spinta che ci accomunano.

PBC continuerà con ancora più forza il proprio percorso, per cercare di arrivare un domani ad avere un’Italia dove, fra le altre cose, possa lavorare liberamente ed esprimere tutte le proprie potenzialità anche chi non sia “dei loro”.


Monia Benini
Presidente PBC

Pubblicato da Monia alle 12:27  
1 commenti
Anonimo ha detto...

Ci farete sapere dove metterete i punti di raccolta per il referendum abrogativo? Non vedo l'ora di firmare e preferisco farlo da voi.

14 settembre 2008 16:28  

Posta un commento